Premi "Invio" per passare al contenuto

8 migliori libri analisi tecnica borsa da leggere

L’analisi tecnica è una disciplina di trading impiegata per valutare gli investimenti e identificare le opportunità di trading analizzando le tendenze statistiche raccolte dall’attività di trading, come il movimento dei prezzi e il volume. A differenza degli analisti fondamentali, che cercano di valutare il valore intrinseco di un titolo, gli analisti tecnici si concentrano su modelli di movimenti di prezzo, segnali di trading e vari altri strumenti di analisi grafica per valutare la forza o la debolezza di un titolo.

Gli analisti tecnici credono che tutti i fattori che influenzano il prezzo di un titolo si riflettono attraverso il suo movimento di prezzo sul mercato. Pertanto, essi credono che se possono studiare i movimenti di prezzo passati e analizzarli correttamente, possono prevedere i movimenti futuri.

L’analisi tecnica si basa su tre presupposti:

  • la legge della domanda e dell’offerta – il fattore più importante che influenza i prezzi nei mercati finanziari;
  • il prezzo sconta tutto – tutti i fattori che influenzano il titolo sono incorporati nel prezzo;
  • la storia si muove in tendenze – i prezzi si muovono in tendenze; ci sono tendenze al rialzo (bullish), tendenze al ribasso (bearish) e tendenze laterali (orizzontali).

Storia dell’analisi tecnica

Anche se il termine “analisi tecnica” non esisteva prima del 20° secolo, la sua storia può essere fatta risalire al lavoro di Charles Dow che, alla fine del 19° secolo, scrisse una serie di editoriali per il Wall Street Journal discutendo i movimenti dei prezzi delle azioni. Il principio principale dietro la teoria di Dow era che tutte le informazioni rilevanti sono già riflesse dai prezzi, quindi, non c’è bisogno di cercare notizie o ragioni economiche dietro i cambiamenti di prezzo.

Negli anni 1920 e 1930, Richard Wyckoff scrisse diversi libri e molti articoli sull’analisi tecnica e sulle tecniche di trading del mercato azionario. Fu anche uno dei pionieri nell’applicazione di metodi statistici per analizzare i dati di mercato e utilizzare le relazioni intermercato a scopo di previsione. Un altro pioniere fu John Magee, che scrisse alcuni dei primi libri di analisi tecnica nel 1941 tra cui Technical Analysis of Stock Trends che è considerato uno dei lavori seminali della disciplina. Altri autori influenti sono Edson Gould, Martin J. Pring, Robert Prechter, Jr, John Bollinger e Michael Jenkins.

Strumenti di Analisi tecnica

L’analisi tecnica è usata da molti trader e professionisti finanziari e si basa sull’osservazione dei prezzi storici. L’idea è che la storia tende a ripetersi, quindi i modelli di prezzo presenti e futuri possono essere riconosciuti studiando i modelli di prezzo passati.

Alcuni degli strumenti utilizzati nell’analisi tecnica includono:

Linee di tendenza: Una linea di tendenza collega due o più punti di prezzo su un grafico e poi si estende nel futuro per agire come una linea di supporto o resistenza. Una linea di tendenza al rialzo viene tracciata lungo il fondo di aree di supporto facilmente identificabili (valli). Una linea di downtrend viene tracciata lungo la parte superiore di aree di resistenza facilmente identificabili (picchi).

Modelli grafici: Questi sono modelli specifici che si formano su un grafico e che segnalano una potenziale inversione o continuazione del trend.

Medie mobili: Per esempio, se un’azione è stata scambiata sopra la sua media mobile a 200 giorni nell’ultimo anno, un investitore potrebbe considerare di acquistarla se scende sotto questo livello, dato che questo potrebbe essere interpretato come un segno di debolezza.

Volume: Si riferisce al numero di azioni scambiate in un determinato periodo di tempo, come un giorno. Il volume spesso precede l’azione dei prezzi, quindi molti analisti guardano come il volume cambia nel tempo per prevedere i futuri movimenti dei prezzi.

Analisi tecnica vs Analisi fondamentale

Gli analisti usano due strategie per valutare gli stock. Le due strategie sono l’analisi fondamentale e l’analisi tecnica. L’analisi fondamentale è usata per determinare il valore intrinseco di un’azione. Al contrario, l’analisi tecnica comporta l’uso di movimenti di prezzo passati per prendere decisioni di investimento.

Analisi tecnica

L’analisi tecnica comporta l’uso di grafici e altri strumenti per studiare i movimenti di prezzo passati. L’obiettivo è quello di prevedere le future variazioni di prezzo. Gli analisti tecnici valutano le azioni usando diversi indicatori come la media mobile, le linee di tendenza e le tecniche di canalizzazione.

Analisi fondamentale

Al contrario, gli analisti fondamentali valutano gli stock sulla base di dati di bilancio come il record di credito, le vendite, il conto economico e il rendiconto finanziario tra gli altri. Si concentrano su fattori chiave come il rapporto tra debito e capitale e i margini di profitto per prevedere i futuri cambiamenti di prezzo. I fondamentalisti basano le loro decisioni anche su altri fattori come le previsioni economiche e le tendenze del settore.